“Sicurezza dei carrelli industriali. Impiego in atmosfere potenzialmente esplosive. Utilizzo in ambienti con presenza di gas, vapori, nebbia e polveri infiammabili” per tutte le trasformazioni antideflagranti di veicoli di vario tipo (carrelli, frontali, retrattili, controbilanciati, transpallet ecc…).

La norma EN1755:2015 è diventata obbligatoria a partire da Novembre 2017. Ma già da aprile 2017 (con molto anticipo rispetto ai regolamenti) i veicoli trasformati in modo antideflagrante dal Gruppo Miretti sono stati immessi sul mercato già conformi alla norma EN1755:2015. Un vantaggio e una sicurezza per tutti i clienti Miretti che già da aprile 2017 hanno potuto usufruire senza problemi di veicoli già conformi alle nuove normative.

Da aprile 2017, infatti, i clienti Miretti hanno potuto ricevere i propri carrelli elevatori / autocarri / veicoli di vario tipo già tutti conformi alla nuova EN1755:2015: un valore aggiunto per il cliente che si trova in anticipo ad essere conforme ai regolamenti utilizzando macchine sicure per i propri lavoratori e per l’ambiente circostante.

Il nostro gruppo ha, infatti, già maturato un know-how specifico sulla norma EN1755, un nuovo standard strategico per la sicurezza che deve essere rispettato da tutti i veicoli che si trovano ad operare nelle Zone Atex pericolose 1,2,21,22.

Tutti i veicoli antideflagranti devono essere conformi alla normativa ATEX 2014/34/UE per poter operare nelle zone pericolose in tutta sicurezza. La nuova norma EN1755 raggruppa le soluzioni più recenti e indica il tipo di livello di sicurezza richiesto a tutti i veicoli che operano in zone pericolose Atex e che quindi devono essere trasformati in modo antideflagrante.

I maggiori cambiamenti riguardano le apparecchiature che operano nella Zona 2. Di seguito trovate una sintesi dei requisiti più importanti:

  • I pneumatici e le ruote in polimero devono essere antistatici quando e dove la velocità di marcia è superiore a 6 Km/H. Tale richiesta deve essere rispettata non solo per i veicoli che lavorano in Zona 1 ma anche in Zona 2, Zona 21 e Zona 22. Questo aspetto è molto importante perché estende l’obbligo anche alla Zona 2 e Zona 22.
  • Tutti i pneumatici devono essere conduttivi oppure deve essere presente un sistema di conducibilità a terra (due cinturini che collegano il telaio a terra)
  • I sedili e gli schienali devono essere antistatici e uniti al telaio del veicolo. Questo perché il movimento costante dell’operatore è considerato un potenziale rischio di ignizione da elettricità statica (anche per Zona 2)
  • Le protezioni avvolgibili laterali per la cabina e altri componenti accessibili esternamente realizzati in plastica devono essere antistatici.
  • Una valutazione più approfondita viene richiesta anche per i componenti non elettrici

Per maggiori informazioni e dettagli, vi preghiamo di contattarci sales.department@miretti.com  I nostri esperti vi forniranno ogni utile aggiornamento e vi aiuteranno a fare chiarezza!

Ricordiamo che sono coinvolte tutte le categorie di veicoli: Zona 1 2G / Zona 2 3D / Zona 21 2D / Zona 22 3D

La EN1755: 2015 ha mantenuto i principi più importanti dello standard attuale ma ha allineato la legislazione attuale con altri standard …. Vi preghiamo di contattarci per ulteriori informazioni… sales.department@miretti.com  / after.sales@miretti.com 

È opportuno che il cliente tenga a mente che seguendo questo nuovo standard e questi nuovi requisiti per la massima sicurezza dell’operatore e dell’ambiente di lavoro, i tempi di consegna potrebbero essere più lunghi rispetto a quelli del passato.

Questa considerazione è valida anche per la pianificazione dei vari programmi di manutenzione con l’obiettivo di minimizzare i problemi di inattività e di fermo macchina.